Mamme in attesa, consigli via sms

Foto: Getty Images/Fotobank

Foto: Getty Images/Fotobank

Il sistema Text4Baby, testato con successo tra le donne americane, arriva in Russia a settembre, sostenuto dal governo. Sul cellulare tutte le informazioni per affrontare al meglio la gravidanza.

La Russia sta vivendo un piccolo baby boom, in parte grazie alla legislazione del 2007 che introduce il cosiddetto “ capitale materno”, un sussidio per le donne che hanno più di un figlio. Il tasso di natalità è  così salito dal 21 percento dal 2005, e nel 2009 la popolazione  è cresciuta per la prima volta in 15 anni. Il governo ha anche lanciato un’ iniziativa per modernizzare i reparti di maternità. È ormai chiaro che incoraggiare più nascite è parte del piano nazionale per combattere l’invecchiamento della popolazione.


Per sapere come cambia la vita mettendo un bimbo al mondo, ora c’è Text4Baby, un programma, testato negli Stati Uniti, per donne che, altrimenti, non avrebbero accesso alle migliori informazioni sulla cura neonatale. Le mamme che richiedono il servizio di sms ricevono 3 messaggi sul cellulare a settimana, con informazioni su questioni quali cure pre-natali, vaccinazioni e come trasportare in auto i neonati.

Il  sistema di informazione ha avuto un grande successo con più di 135.000 utenti negli Stati Uniti solo nel primo anno. E un tale successo ha portato a una collaborazione bilaterale per esportare il programma in Russia, dove arriverà a settembre.


La Federazione è un mercato molto attraente per gli inventori del sistema, perché ha una tra le più alte penetrazioni di cellulari al mondo e il progetto ha attirato grosse sponsorizzazioni all’interno del governo. Esperti del Kulakov Center del Ministero della Salute e dello Sviluppo Sociale saranno responsabili nella gestione degli sms.


Judy Twigg, un’esperta di riforme sanitarie in Russia e professore alla Virginia Commonwealth University di Richmond, Va., sottolinea come l’ educazione e la communicazione  sono cruciali per migliorare i servizi sanitari in Russia. “L’informazione sulla salute pubblica, l’educazione e la comunicazione sono cose determinanti”, ha affermato.


Naturalmente il programma dall’americano al russo va migliorato. La coordinazione tra organizzazioni governative e non, non è stata sempre semplice. C’è inoltre bisogno di esperti di linguaggio per ridurre frasi lunghe e complicate in russo in messaggi corti ed efficaci. Elena Dmitrieva della Health and Development Foundation (Hdf), che conduce il programma Text4Baby in Russia, ha sottolineato che una difficoltà è stata cercare di incoraggiare i dottori a migliorare le loro capacità nel counselling e di assumere un approccio più propositivo verso il programma stesso. Anche i pazienti devono cambiare atteggiamento verso l’approccio al dottore in genere. L’Hdf spera che Text4Baby “apra una nuova era per il rapporto pazienti-dottori, perché il primo non sia più un utente passivo”, sostiene la Dmitrieva.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta