Proclamata la Giornata Mondiale dell'Uomo nello Spazio

Foto: NASA

Foto: NASA

L’Onu ha scelto come data quella del 12 aprile, in onore del cosmonauta russo Yuri Gagarin che 50 anni fa compì il primo volo tra le stelle.

L'assemblea generale dell'Onu ha proclamato il 12 aprile Giornata Mondiale del Volo dell’Uomo nello Spazio, come ha riferito il rappresentante speciale della Federazione Russa presso le Nazioni Unite, Vitalij Churkin. 

La risoluzione è stata presa il 7 aprile 2011, durante la seduta plenaria speciale della 65esima Assemblea generale, indetta su iniziativa della Russia. A favore della risoluzione si sono uniti più di trenta Stati. “In Russia e in altri Paesi il 12 aprile viene già festeggiato come Giornata Internazionale della Cosmonautica, invece l'Organizzazione delle Nazioni Unite non prevedeva alcuna festa del genere. Il progetto di risoluzione proposto dalla Federazione Russa era volto a riempire questa lacuna in occasione del cinquantesimo anniversario del primo volo dell'uomo nello spazio, così d'ora in poi il 12 aprile verrà festeggiato in tutto il mondo come Giornata Mondiale dell'Uomo nello Spazio”, ha dichiarato Churkin.

Proprio in occasione del cinquantesimo anniversario del volo di Gagarin nello Spazio, al quartier generale dell'Onu a New York si svolgeranno diversi eventi ufficiali. Tra di essi, spicca l'apertura della mostra fotografica intitolata “Gagarin. Il primo uomo nello spazio”, con immagini sulla conquista dello Spazio, sulla preparazione del volo del cosmonauta e sulla collaborazione internazionale nel settore spaziale ai giorni nostri.

In programma anche un dibattito sul tema “Prospettive della cooperazione internazionale nello Spazio”, a cui prenderanno parte il capo dell'Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari dello spazio extra-atmosferico Mazlan Othman e il cosmonauta, insignito anche del titolo di Eroe della Russia, Oleg Kotov.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta