San Valentino, questione di cuore o di business

Foto: Itar-Tass

Foto: Itar-Tass

La festa degli innamorati in Russia divide ancora. Tra divieti, nozze per finta e celebrazioni alternative.

San Valentino  fa discutere. Benché in Russia l’atteggiamento dei giovani, delle autorità e dei sacerdoti verso questa festa non sia univoco, secondo alcuni sondaggi l’81% dei cittadini russi fa gli auguri alla sua dolce metà per questa festa.

Una festa negata


Tradizionalmente gli innamorati considerano San Valentino il loro patrono. In ricordo della lettera scritta dal santo alla sua amata, in questo giorno è usanza scambiarsi delle cartoline di auguri, le “valentine” a forma di cuore, con messaggi augurali, dichiarazioni d’amore, proposte di matrimonio o più semplicemente messaggi scherzosi.


Il sacerdote Kirill, direttore del servizio informazioni dell’arcieparchia della Madre di Dio, ha osservato che la festa laica legata al giorno di San Valentino ha raggiunto un notevole successo commerciale e di popolarità tra i giovani. “Il commercio e l’industria del divertimento, com’è naturale, si appigliano a qualsiasi pretesto pur di istituire l’ennesimo evento di massa e guadagnare soldi”, ha dichiarato il sacerdote.


Padre Kirill ha sottolineato che per chi è innamoratoogni giorno è una festa. “Agli innamorati non serve un’occasione particolare per esprimere il loro amore e l’affetto reciproco, per farsi dei doni”, ha osservato.


Le autorità russe e la chiesa ortodossa hanno un atteggiamento tutt’altro che univoco nei confronti di questa festa che si è diffusa in Russia all’inizio degli anni ’90. Alcuni vedono in essa una tradizione estranea, altri ritengono addirittura che il giorno degli innamorati corrompa le giovani generazioni.


Così, per esempio, le autorità della regione di Belgorod hanno raccomandato di rinunciare alla festa di San Valentinoin quanto essa esercita un’influenza negativa sui giovani e rappresenta un vantaggio solo per i commercianti. Già nel 2010 l’amministrazione della regione aveva pubblicato un documento dal titolo “Misure per garantire la sicurezza spirituale nella regione di Belgorod”, che prescriveva agli organi di potere statali e municipali di “non consentire negli istituti scolastici, negli enti culturali e negli altri enti subordinati cittadini e provinciali della regione di festeggiare il giorno di San Valentino e di Halloween”.

 

Angioletti postali


Eppure, stando ai risultati di un sondaggio della holding di ricerche “Romir”, l’81% dei russi intervistati nel 2011 festeggia San Valentino e quasi il 90% farà una piacevole sorpresa alla persona amata. In particolare, tra quanti onorano questa festa, il 54% degli intervistati si prepara a omaggiare il partner con fiori e oggettistica; il 36% preferisce regalare articoli di profumeria e il 27% e il 21% rispettivamente opteranno per cosmetici e gioielli.


Negli istituti superiori della capitale per tradizione e iniziativa degli studenti si terranno inaugurazioni di mostre fotografiche, serate in discoteca e sarà in funzione un servizio di posta festiva. Ma mentre all’Università statale di Mosca (Mgu) e alla Scuola superiore di economia gli eventi sono stati organizzati dagli stessi studenti, all’Università statale russa di discipline umanistiche (Rggu) l’amministrazione dell’istituto si è occupata personalmente dei preparativi per la festa.


Nel giorno degli innamorati nell’atrio dell’Rggu degli angioletti raccoglieranno le “valentine” di auguri e il 15 febbraio le recapiteranno ai destinatari. La sera del 14 febbraio faremo una festa con musica da discoteca”, hanno anticipato all’agenzia Ria Novosti gli studenti.

Nozze per finta


In occasione della festa gli uffici di stato civile di Mosca hanno deciso che il 14 febbraio sarà una giornata aperta in cui agli aspiranti sposi verranno illustrate le tradizioni nuziali e le regole per la presentazione dei documenti necessari alla registrazione del matrimonio.


Presso due uffici dello stato civile e un palazzo per la celebrazione dei matrimoni situati nel settore amministrativo di Sud-Est a Mosca nel giorno degli innamorati si svolgeranno dei  matrimoni per finta”, di dimostrazione,per tutti coloro che desiderano sposarsi. I futuri sposi che intendono registrare il proprio matrimonio nel 2011 potranno conoscere la cerimonia solenne osservando una delle coppie che farà da modello; tutti gli altri visitatori saranno ospiti di questa coppia. Cento coppie di innamorati hanno confermato la loro partecipazione alle “nozze per finta”.


Secondo i collaboratori dell’ufficio di stato civile, queste nozze servono a far sì che nel giorno del loro matrimonio i giovani sposi siano meno agitati e conoscano in anticipo l’ordine di svolgimento della cerimonia.


Gli uffici di stato civile del comune di Barnaul il giorno di San Valentino, nonostante sia un lunedì, registreranno la formazione di 21 nuove famiglie. Gli sposi e i loro parenti riceveranno gli auguri delle coppie che celebreranno nello stesso giorno le nozze d’oro, i 50 anni di vita insieme. Al momento le prenotazioni per la registrazione del matrimonio civile a Barnaul sono complete per i prossimi tre mesi.

Viva l’alternativa!


Dal 2008 in Russia si è cominciato a festeggiare in massa una festa ortodossa, in “alternativa” a quella cattolica:   Il Giorno della famiglia, dell’amore e della fedeltàin onore dei santi ortodossi Petr e Fevronija di Murom. Per iniziativa dei cittadini di Muromsono state ripristinate le tradizioni pre-rivoluzionarie connesse alla festa dei due santi. L’idea è stata appoggiata dai deputati della Duma di Stato, e nel 2008 a questa festa è stato riconosciuto lo status ufficiale di festa governativa.


I cattolici mantengono un atteggiamento leale nei confronti della nuova festa ortodossa. “In questo caso si tratta di proporre effettivamente un esempio per i credenti, un modello di ruoli, un esempio da imitare. È una buona cosa. Se la chiesa ortodossa ritiene che ciò abbia un senso, va benissimo”, ha osservato il sacerdote Kirill.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta