Migliaia di emigranti russi tornano a casa

Foto: Itar-Tass

Foto: Itar-Tass

Il risultato di un programma statale che dal 2007 incentiva i rientri in patria. Superata quota 30mila: a tornare sono soprattutto professionisti e imprenditori.

Sempre più russi tornano in patria. Secondo quanto dichiarato dal Servizio di immigrazione federale, grazie a un programma statale pensato ad hoc, l’anno scorso sono rientrati in Russia ben 12mila ex-cittadini sovietici, una cifra record, il 30% in più rispetto al 2009.

Da quando il programma è stato avviato nel 2007, il totale dei cittadini emigrati che si sono ristabiliti in Russia è pari a 31mila individui. Esponendo i dati per il 2010, il funzionario capo del Servizio immigrazione Michail Tyurkin ha affermato che il piano di rientro si concentra oggi sulla qualità piuttosto che sulla quantità, come dimostra il fatto che, grazie ad esso, sono tornati in Russia professionisti specializzati, scienziati e imprenditori, senza però indicare i Paesi di provenienza di tali cittadini.

Il programma, che si pone l’obiettivo di migliorare la poco felice situazione demografica del Paese, soprattutto nelle regioni orientali scarsamente popolate, punta a favorire il rientro in Russia di ex-cittadini sovietici residenti all'estero.



Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta