Khodorkovsky resterà in prigione fino al 2017

Foto di Viktor Vasenin, Rossiyskaya Gazeta

Foto di Viktor Vasenin, Rossiyskaya Gazeta

Reso noto il verdetto del processo all’ex magnate russo. Il Cremlino: Nessuna interferenza politica.

Mikhail Khodorkovsky è stato condannato a 13 anni e mezzo di reclusione. Tenendo conto del periodo che ha già passato in carcere, gli restano da scontare altri sei anni.


Il giudice Viktor Danilkin ha condannato l’imputato più famoso di Russia a restare in prigione fino al 2017. Anche Platon Lebedev, l’altro imputato del processo insieme a Khodorkovsky, dovrà scontare la stessa pena.

 

Una lunga sentenza

 

I due uomini hanno già passato in carcere sette anni e mezzo, con l’accusa di frode ed evasione fiscale per la quale erano stati processati nel 2005.

 

La nuova condanna per il presunto furto di 218 milioni di tonnellate di petrolio e riciclaggio di denaro per una somma di oltre 3 miliardi di rubli (più di 75 milioni di euro), farà arrivare il periodo di reclusione a 14 anni in tutto, incluso il termine già scontato prima del processo.


Il giudice Danilkin ha letto tutte le 250 pagine del verdetto davanti allo sguardo impassibile degli imputati.

 

Le reazioni dal mondo

 

Il processo è stato spesso criticato per la sua natura politica. “E’ un incubo, non ci sono parole per descriverlo. È un verdetto crudele, scorretto e insensato, una vergogna per il nostro paese, per il nostro governo e per il sistema giudiziario, che non avrebbe potuto essere pronunciato in presenza di un sistema giuridico indipendente”, è stato l’appassionato commento di Ljudmila Alekseeva, studiosa e attivista per i diritti umani russa, riportato da Ria Novosti.


Il Cremlino ha negato qualsiasi implicazione di tipo politico nella vicenda e ha raccomandato alle voci critiche provenienti dall’estero di farsi gli affari propri. “Questi tentativi di esercitare pressioni sulla corte sono inaccettabili,” ha detto il ministro degli Esteri russo, secondo quanto riportato dall’agenzia France Presse.


Pubblicato per la prima volta su www.themoscownews.com

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta