Si torna a scendere in piazza

Foto di Itar-Tass

Foto di Itar-Tass

Nikolai Alexeyev e Boris Nemtsov, due dei più noti attivisti russi, concordano su un fatto: manifestare in pubblico oggi è un po’ più facile che in passato.

Nikolai Alexeyev, uno dei leader del Gay Pride russo, arriva direttamente dal tribunale: un luogo che dopo 11 arresti conosce bene. L’udienza questa volta riguarda l’accusa di aver organizzato e partecipato a una manifestazione non autorizzata nel centro di Mosca. «Non voglio più aspettare per esercitare le mie libertà o i miei diritti civili di omosessuale», dichiara. Dopo la destituzione a ottobre del sindaco di Mosca Luzhkov, il Cremlino ha ammorbidito le proprie posizioni sulle proteste di piazza e gli attivisti politici – che rappresentano lo scontento di automobilisti e pensionati, ambientalisti, preservazionisti e liberali disincantati – si augurano di poter approfittare del nuovo clima.

Qualche cambiamento c’è stato: si sono tenute le prime manifestazioni gay ufficiali e anche Strategy-31 (un movimento che, rivendicando l’articolo 31 della Costituzione, si batte a favore del diritto a manifestare) ha ottenuto per la prima volta il permesso di organizzare una manifestazione a Mosca.

Seduto a un tavolino di fronte alla stazione della metropolitana Cistie Prudi, Boris Nemtsov aspetta di firmare alcune delle 10mila copie del suo caustico opuscolo “Cosa ci hanno portato 10 anni di Putin”. La fila si forma rapidamente. Un tempo vicepremier del governo di Eltsin e leggendario riformatore, oggi Nemtsov è passato dalla parte dell’opposizione dove si è ritagliato il ruolo di “rompiscatole”. «Questo libro rappresenta la più importante iniziativa dell’opposizione da 10 anni a questa parte», afferma. «È la samizdat dei nostri giorni» aggiunge riferendosi alla pubblicazione di testi clandestini in epoca sovietica.

Secondo Alexeyev, sarà Internet a trainare il cambiamento in Russia. Nemtsov è più scettico ma entrambi concordano sul fatto che, malgrado le proteste, lo Stato continua a mantenere un rigido controllo su Mosca, cruciale al proprio senso di stabilità.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta