Putin: “Nessuna guerra l’Artico sia zona di pace”

Foto di ITAR-TASS

Foto di ITAR-TASS

Secondo il premier, deve essere la cooperazione scientifica, non la rivalità geopolitica, la chiave per lo sviluppo della regione.

Nessuna “guerra artica”. Per la regione contesa da Canada, Danimarca, Norvegia, Russia e Usa il premier russo Vladimir Putin vede semmai un futuro radioso e pacifico. «Crediamo sia un imperativo morale mantenere l’Artico una zona di pace e cooperazione», ha detto chiudendo il primo Forum sull’Artico tenutosi a Mosca a settembre. «Il settore russo dell’Artico fornisce circa l’11 per cento del Pil del Paese e il 22 per cento delle esportazioni», come ha ricordato Alexander Bedritsky, consulente presidenziale sui cambiamenti climatici. «La Russia - ha detto Putin - intende accrescere la propria presenza scientifica e finanziare la ricerca, compresa quella condotta da team internazionali».

Promettendo che la tutela dell’ambiente sarà la « priorità assoluta » dell’espansione industriale nella regione, Putin ha poi aggiunto: «Se non agiamo responsabilmente nell’Artico adesso, in futuro avremo problemi globali invece che vantaggi» . «Non vi sono premesse concrete per buona parte degli scenari più spaventosi ipotizzati e non è in corso alcuna “battaglia per l’Artico”», ha poi ribadito, prospettando collaborazioni internazionali.

Le contese sono tuttavia venute a galla: se Russia e Norvegia avevano posto fine solo una settimana prima alla quarantennale disputa sui rispettivi confini marittimi, Canada e Danimarca (che comprende anche la Groenlandia) continuano a contestare a Mosca il diritto di sfruttare la dorsale sotterranea Lomonosov, una grossa fetta dell’Oceano Artico, che si trova in gran parte in acque neutre.


Secondo la Convenzione dell’Onu sul diritto marittimo del 1982, un Paese può reclamare diritti sulle risorse marine oltre i 320 chilometri dalle proprie acque territoriali nel caso in cui possa dimostrare che la propria piattaforma continentale si estende oltre quel punto. Tutti e tre i Paesi adducono dinanzi all’Onu motivazioni per associare la dorsale oceanica al loro territorio. La stessa Russia - dopo che si è vista respingere dall’Onu l’esposto presentato nel 2001 perché non supportato adeguatamente da prove scientifiche - ne sta preparando uno nuovo che sarà pronto nel 2012 o 2013. Per allora anche il Canada avrà presentato il proprio e la Danimarca conta di farlo nel 2014. Dal canto loro, non avendo ratificato la Convenzione, gli Usa sono favorevoli all’“internazionalizzazione” delle acque artiche.

Le poste in gioco sono del resto molto alte: l’Artico custodisce quasi un quarto delle riserve energetiche del mondo sotto forma di petrolio e gas naturale. E sotto i suoi fondali sono presenti anche immensi giacimenti di metalli preziosi.

Articolo già apparso su The Moscow Times

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta