Surkov: “La Russia ha bisogno di quanti più lavoratori stranieri possibile”

Foto di RIA Novosti

Foto di RIA Novosti

La Russia dovrebbe mettere da parte il “falso patriottismo” e attirare gli specialisti stranieri in vista della costruzione di un centro hi-tech fuori Mosca, ha dichiarato Vladislav Surkov, vice-direttore capo dello staff presidenziale.

«Dobbiamo far sì che diventi normale per le persone venire a lavorare in Russia », ha affermato Surkov giovedi 1° luglio durante una seduta parlamentare sulla legge a sostegno dello sviluppo di un hub tecnologico nel sobborgo di Skolkovo, che è già stato soprannominato la “Silicon Valley” russa.

La Russia, Paese che ha disperso scienziati ed ingegneri in massa dopo il crollo dell'Unione Sovietica, «dovrebbe avere quanta più forza lavoro di origine straniera possibile», ha aggiunto Surkov. L'“importazione di cervelli”, ha sottolineato, costituirà lo strumento principale per portare a Skolkovo i talenti migliori.

Visitando la Silicon Valley californiana nel corso della sua visita negli Stati Uniti, lo stesso presidente Dmitri Medvedev ha esortato le aziende americane a «partecipare attivamente» ai lavori per la creazione del centro russo , dove agevolazioni fiscali ed altri tipi di incentivi saranno offerti per attrarre investimenti e stimolare l'innovazione e la produzione di articoli hi-tech.

A sovrintendere il centro sarà il magnate dell'industria petrolifera e metallurgica e direttore esecutivo di Tnk-Bp, Viktor Vekselberg, che ha dichiarato di voler lasciare la sezione della Bp entro la fine dell'anno per dedicarsi completamente a Skolkovo e rivelato di aver accettato l’incarico per la “dura sfida” rappresentata dalla necessità di creare una sinergia tra aziende, Stato e istituzioni educative.

In California Vekselberg ha accompagnato Medvedev durante la visita della Cisco Systems a San Jose e della Apple a Cupertino. Medvedev ha visitato inoltre la sede di Twitter, il servizio di microblogging con più di 190 milioni di visitatori al mese, e creato il suo account personale.

Cisco, il più grande produttore di infrastrutture di rete al mondo, investirà mille miliardi di dollari nell'arco dei prossimi 10 anni per incoraggiare innovazione e crescita e sviluppare la ricerca, nonché per costruire gli edifici amministrativi di Skolkovo, ha affermato il direttore esecutivo John Chambers durante la visita di Medvedev.

Ma per mettere in piedi e fare funzionare Skolkovo – ha precisato Vekselberg - saranno necessari 60mila miliardi di rubli (1900 miliardi di dollari) tra investimenti statali e privati nei prossimi tre anni. La costruzione – ha aggiunto - inizierà alla fine del prossimo anno.

Il vice-ministro per lo Sviluppo Economico Stanislav Voskresenski ha invece ricordato che le aziende che opereranno a Skolkovo godranno di agevolazioni fiscali concordate con il Ministro delle Finanze, come l'esenzione dalla tassa sul reddito e sulla proprietà, già prima che l'hub sia stato completato.

Articolo apparso su The Moscow Times


Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta