L’innovazione è la base della collaborazione italo-russa

Foto dell'Agenzia di sviluppo regionaledella regione di Kaluga

Foto dell'Agenzia di sviluppo regionaledella regione di Kaluga

A Kaluga si è tenuta la XVI riunione del Gruppo di lavoro Italo-Russo sui distretti industriali e le piccole e medie imprese; uno dei temi principali dell’incontro è stato quello della collaborazione nell’ambito della modernizzazione e dello sviluppo innovativo.

Nel corso della sessione si sono svolte delle tavole rotonde a tema, dedicate alla produzione di macchinari, all’agricoltura, all’industria del legno, ma anche al sostegno alle piccole e medie imprese.

Durante il suo intervento, il governatore della regione di Kaluga Anatolij Artamònov ha dichiarato: "Pensiamo che un incontro di così alto livello internazionale sia un avvenimento storico per la nostra regione. La regione di Kaluga ha un’esperienza pluriennale nella collaborazione con l’Italia, in diversi settori di attività. Abbiamo creato delle condizioni esclusive e siamo stati i primi in Russia a offrire degli spazi nei parchi industriali".

In occasione del forum è stato ufficialmente siglato un accordo di collaborazione tra il governo della regione di Kaluga e l’azienda italiana Bozzola S.p.A. per realizzare un progetto di investimento per la costruzione di tre sistemi di stoccaggio per cereali. A Kaluga è stata creata la società italo-russa "Kaluga-Stoccaggio S.r.l.".

Nel corso della seduta plenaria, la presidente della Rappresentanza Commerciale della Federazione Russa in Italia Nathela Shenghelija ha dichiarato che il volume degli scambi commerciali tra i due paesi nel primo trimestre del 2010 è cresciuto del 40,6 % ed è stato di 9 miliardi di dollari. La dottoressa Shenghelija ha anche fatto notare che proprio il Gruppo di lavoro Italo-Russo promuove uno degli obiettivi fondamentali per la Russia, quello di modernizzare l’economia e attrarre investimenti stranieri.

Il consigliere dell’Ambasciata d’Italia a Mosca Marco Ricci nel suo discorso ha detto: "L’Italia è il secondo partner strategico della Russia in Europa, e il quarto nel mondo. Le relazioni tra i nostri paesi sono caratterizzate da un elevato dinamismo in tutti i settori della scienza e della spiritualità. Confidiamo nelle prospettive di crescita del mercato e recupereremo le occasioni di collaborazione economica che non abbiamo potuto cogliere durante la crisi".


Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta