Avanzata primaverile degli stilisti russi

Dal 1 al 6 aprile a Mosca, ormai per tradizione, si svolge la Russian Fashion Week. Valenti debuttanti di fashion, maestri della moda russa e ospiti stranieri presentano i trend chiave dell'Autunno-Inverno 2010/2011.

Tra i partecipanti alla RFW della nuova stagione i maggiori designer dell’epoca postsovietica: Slava Zaitsev, PARFENOVA, Irina KHAKAMADA, Elena MAKASHOVA, Egor Zaitsev, TEGIN, BIRYUKOV, POUSTOVIT, Masha Kravtsova, Elena Suprun, Liudmila Norsojan, Masha Sharojeva e molti altri.

Anche la geografia dei partecipanti stranieri della Russian Fashion Week diventa sempre più ampia di stagione in stagione. Sulla passerella più importante dell'Est europeo mostreranno le proprie opere gli headliner di varie nazioni. Tra questi, rappresentanti della nuova tendenza londinese, Clare Lopeman, Osman Yousefzada, PPQ e Eley Kishimoto.

Come da tradizione ormai consolidata, alle sfilate RFW partecipano stilisti italiani. Questa volta la Dismo presenta due linee: Aile e Vanet, fondate nel 2009 dagli stilisti italiani Elisa Faroldi e Francesca Ratti.

Oltre alle sfilate sono in programma altre iniziative speciali. Al Museo della moda russa, ad esempio, sarà allestita la mostra Extending The Runway, della Tatiana Sorokko Style. I visitatori potranno vedere più di 80 abiti exclusive e accessori haute couture di proprietà di Tatiana Sorokko, prima top model russa con una splendida carriera internazionale all’attivo. La mostra presenterà una sezione dedicata allo sviluppo della moda mondiale a partire degli anni '20 del secolo scorso, e durerà fino al 1° maggio 2010.

Un altro ospite della RFW sarà la rinomata storica della moda, direttrice del Museum del Fashion Institute of Technology, Valerie Steele, che arriva a Mosca per presentare il proprio libro The Corset insieme alla rivista "Teoria della moda: abbigliamento, corpo, cultura". Nell'ambito della presentazione si terrà una mostra di corsetti, crinoline e tournure ottocenteschi, un performance sul tema di corsetto del futuro, e dibattiti intellettuali.


Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta