Ucraina, nuove sanzioni Usa contro la Russia

Nel mirino anche persone vicine al Presidente russo Vladimir Putin

Il governo statunitense ha imposto nuove sanzioni a oltre una ventina di soggetti e individui russi e ucraini, tra cui alcuni stretti collaboratori dell’ex presidente ucraino Viktor Yanukovich, il miliardario Timchenko, uno dei fondatori dell'azienda Gunvor, specializzata nella contrattazione di petrolio e gas e vicina al leader russo Putin, e due realtà vicine a Boris Rotenberg, uomo d'affari legato al capo del Cremlino.

Secondo gli Usa, le sanzioni sarebbero da attribuire alle “azioni della Russia nell’Ucraina dell’est”. 

“Tale decisione sottolinea gli sforzi dell’amministrazione del Presidente Usa Barack Obama di mantenere una certa pressione sulla Russia che viola la legge internazionale, alimentando il conflitto nell’est dell’Ucraina”, ha spiegato in una nota John E. Smith, direttore dell'Ufficio di Controllo degli Attivi Stranieri del Ministero del Tesoro.

Oltre ai collaboratori di Yanukovich, sono finite nel mirino delle nuove sanzioni altre 15 imprese e persone fisiche che lavorano nel settore della difesa in Russia. Nella lista ci sarebbe anche Boris Rotenberg, imprenditore e braccio destro del Presidente russo Vladimir Putin, cinque operatori portuari e una compagnia di traghetti in Crimea.

“Il nostro messaggio è chiaro - ha aggiunto Smith -, continueremo ad agire per assicurare l’efficacia delle nostre sanzioni, che non saranno eliminate fino a che gli accordi di Minsk non verranno rispettati”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta