Vacanze di Capodanno, i russi scelgono le stazioni sciistiche nazionali

17 novembre 2016 Maria Glushenkova, Kommersant
Fra le mete più gettonate, le località di Krasnaya Polyana, Dombai ed Elbrus. Reggono anche i viaggi verso l’estero, purché siano low cost
New Star Сamp in Sochi
La vacanza in montagna è una delle principali destinazioni invernali. Fonte: Artur Lebedev / TASS

Nonostante la crisi, molti russi andranno comunque all'estero. Tra le destinazioni più gettonate ci sono il sud-est asiatico e la Turchia, compensando almeno in parte l'Egitto, inaccessibile per motivi di sicurezza. Ma la stragrande maggioranza viaggerà in Russia, perlopiù verso le stazioni sciistiche nazionali, scegliendo biglietti ed alloggi più economici.

Località sciistiche

La vacanza in montagna è una delle principali destinazioni invernali. I tour operator si aspettano una domanda senza precedenti verso le zone sciistiche russe. "Prevediamo grosse richieste per le località di Krasnaya Polyana, Dombai ed Elbrus", dice il direttore generale del tour operator "Delfin" Sergej Romashkin. Secondo lui, leader nei prezzi è Krasnaya Polyana, dove si trovano hotel a 4-5 stelle, mentre a Dombai e sull’Elbrus alloggi e alberghi sono a livello di 2-3 stelle. Lo scontrino medio del mercato turistico interno si aggira intorno ai 15-30mila rubli (circa 215-430 euro).

Secondo la società Tez Tour, quest'anno è anche cresciuta la domanda di tour all'estero. "Austria al primo posto. Tradizionalmente popolari anche Bulgaria, Andorra, Italia e Francia", dicono.

Vicino al monte Elbrus Lev Yakupov/flickr.com/BY-SA

Vicino al monte Elbrus

Il monte Elbrus Konstantin Malanchev/flickr.com/BY

Il monte Elbrus

Il monte Elbrus John Brennan/flickr.com/BY-ND

Il monte Elbrus

La stazione sciistica Dombaj skhakirov/flickr.com/BY-SA

La stazione sciistica Dombaj

Krasnaya Polyana  Alexxx Malev/flickr.com/BY-SA

Krasnaya Polyana 

Krasnaya Polyana  Alexxx Malev/flickr.com/BY-SA

Krasnaya Polyana 

 
1/6
 

La crescita delle destinazioni russe

Il mercato del turismo interno sta vivendo una crescita senza precedenti. "Quest'anno è stato un grande successo, possiamo dire un record per il turismo interno", afferma Romashkin. Nel 2016 le vendite delle aziende specializzate in turismo interno sono salite del 20-30%. "E ci aspettiamo la stessa crescita per le vacanze di Capodanno", dice Romashkin.

Quest’anno i tour operator hanno notato una nuova tendenza significativa: i turisti russi che prima pianificavano i propri viaggi in anticipo, soprattutto a Capodanno, hanno cominciato a rimandare la decisione fino all'ultimo.

Di conseguenza, come ha stimato di recente il motore di ricerca di voli, hotel e autonoleggio Skyscanner, solo per l'acquisto di biglietti all'ultimo momento i russi hanno pagato 6,4 miliardi di rubli in più. Secondo le valutazioni di Skyscanner, la Russia è diventata in generale la “più impulsiva” di tutti i Paesi europei: quasi il 40% dei nostri viaggiatori non programma i voli in anticipo, seppure questo approccio costi loro molto di più.

Tutti pazzi per il sud-est asiatico 

La stragrande maggioranza dei turisti cerca diligentemente di risparmiare. "L'80% dei click è per voli più economici: le persone sono disposte ad arrivare in Thailandia anche con tre scali. Naturalmente, ci sono anche viaggiatori che volano alle Mauritius il Giorno dell'Unità pagando mezzo milione di rubli, ma si tratta di una minoranza", osserva Janis Dzenis, direttore PR di Aviasales.

Per gli amanti del mare, la destinazione più popolare fino a poco tempo fa era l'Egitto, ma ora i collegamenti aerei tra la Russia e questo Paese sono stati chiusi. Siccome in Russia in inverno non c’è turismo balneare, sono comparse altre destinazioni che hanno colmato una nicchia vacante. "L'enorme richiesta per il sud-est asiatico oggi è legata proprio al fatto che il flusso egiziano si è spostato in parte qua, sia a livello di turismo economico, che di lusso. La domanda per Capodanno verso Paesi come Thailandia, Vietnam, India, Goa e Sri Lanka è molto alta. Sono mete alla pari con la Russia e rientrano tra le più ambite della stagione, anche per il turismo di massa", afferma Maya Kotlyar, direttore generale di MAYEL Travel.

Il ritorno della Turchia

Una vera hit per quest’inverno potrebbe essere la Turchia, che a fine giugno si è di nuovo aperta ai turisti russi. Secondo il servizio di analisi dell'Associazione dei Tour Operator russi (ATOR), questo Paese già in alta stagione era leader del turismo outgoing. In particolare, secondo ATOR, con il lancio di voli charter, i dati delle vendite in Turchia sono cresciuti del 113% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

La Turchia ha un gran numero di visitatori fedeli, molti di questi non sono nemmeno disposti a prendere in considerazione altre mete. Secondo il direttore PR di Tez Tour Larissa Akhanova, la Turchia è diventata per loro il leader indiscusso delle vendite dei tour di Capodanno.

Viaggiare in tempo di crisi

Una parte dei russi andrà comunque in Europa, raggiungibile anche a poco costo, in treno o autobus. Secondo il co-fondatore del servizio per la ricerca ed emissione di biglietti per autobus Busfor, Ilya Ekushevskij, l’itinerario Mosca - San Pietroburgo - Tallinn con la possibilità di passeggiare a San Pietroburgo il 31 dicembre e arrivare in tempo nella capitale dell'Estonia per Capodanno costa solo 3.350 rubli (poco meno di 50 euro).

Il 31 dicembre lo sconto sui biglietti su diversi mezzi può raggiungere quasi il 50%. La Società federale passeggeri ha riferito che per Capodanno il prezzo del biglietto in vagoni plazkart e generici sarà del 15% più basso rispetto a quello dei giorni precedenti. Ci si aspettano sconti anche per i vagoni kupé.

Qui la versione originale dell’articolo

Ti potrebbe interessare anche: 

+
Metti "Mi piace" su Facebook