Le biblioteche entrano nei centri commerciali

30 dicembre 2016 Aleksandra Guzeva, RBTH
La nuova scommessa degli spazi culturali per sopravvivere al periodo di crisi: ora si potrà leggere concedendosi una piacevole pausa dallo shopping
Libaries go out to the shopping malls
In un affollato centro commerciale di Mosca ora esiste anche un'isola di tranquillità e di libri. Fonte: ufficio stampa

Fin dal periodo sovietico nelle grandi città russe ci sono sempre state moltissime biblioteche. Solo a Mosca, per esempio, se ne contano 441. La maggior parte continua a lavorare, ma stanno attraversando una crisi profonda, perché nell'era di Internet quasi nessuno prende più libri in prestito.

Le biblioteche sono quindi costrette a trovare nuovi modi per continuare a essere popolari. Saranno non solo archivi di libri, ma anche spazi culturali, luoghi per conferenze, dibattiti e laboratori.

La Biblioteca scientifica centrale universale Nekrasov, o più semplicemente, la Nekrasovka, è andata pienamente incontro alle esigenze del lettore moderno, nel vero senso della parola. La Nekrasovka ha allestito una sua filiale in un importante centro commerciale cittadino, l’"Okeanija". Immaginate: oltre allo shopping, all’intrattenimento, al cinema e ai ristoranti, in un affollato centro commerciale ora esiste anche un'isola di tranquillità e di libri, oltretutto gratis.

Presso #BibliotekavTRTs si possono ricevere o restituire libri appartenenti all’archivio della biblioteca principale e avere accesso al servizio di lettura "Biblio LitRes", grazie al quale è possibile ordinare gratuitamente un libro on-line. Inoltre, nella filiale, sono esposti i libri di editori indipendenti che si possono trovare solo in un numero limitato di librerie. In aggiunta, si possono trovare anche libri per bambini e giochi da tavolo.

"Ci troviamo nel centro commerciale Okeanija già da tre mesi e ogni giorno sentiamo la gioia e la sorpresa dei passanti: "La biblioteca in un centro commerciale!", “Ma le biblioteche esistono ancora?!”, “Ma qui si può prendere un libro e leggerlo?! Gratis?”, ha riferito a RBTH la direttrice della biblioteca Nekrasov, Maria Privalova.

"Abbiamo modo di dimostrare che le biblioteche hanno libri nuovi e moderni, non solo stampati, ma anche elettronici, oltre che giochi da tavolo e così via", ha aggiunto la Privalova.

I visitatori del centro commerciale sono entusiasti dell'iniziativa: "I libri sono quasi tutti nuovi, edizioni appena uscite. Ovviamente ci sono anche i classici, la letteratura didattica e molto altro. Penso sia un qualche negozio. Chiedo. Ma è una biblioteca! Sì, è la filiale di una biblioteca in un centro commerciale! Quindi magari vai per il cinema, quando sei lì prendi il libro che vuoi, lo leggi per un mese, poi quando vai a fare la spesa lo restituisci", ha scritto nel suo blog triplex35.

La biblioteca collabora con il centro commerciale senza scopo di lucro. La direttrice Privalova ritiene un grande successo che gli interessi del centro commerciale e della biblioteca coincidano: "Questo centro commerciale si impegna affinché la gente non venga qua solo per fare shopping, ma anche per rilassarsi, frequentare lezioni, e così via".

L'anno prossimo, la Nekrasovka prevede di replicare questa esperienza e cercherà altri modi per uscire dalle sue mura e fare il suo ingresso in luoghi per lei insoliti. Ora la biblioteca sta lavorando alla sistemazione e ottimizzazione della filiale, alla logistica e all’organizzazione di eventi.

Per maggiori informazioni: www.nekrasovka.ru/oceania/

+
Metti "Mi piace" su Facebook