Lev Tolstoj, riflessioni di un vegetariano

24 marzo 2017 RBTH
La straordinaria modernità del pensiero dello scrittore russo si intreccia al dibattito odierno sull'alimentazione da seguire: in libreria, il suo saggio edito da Ex Libris

La copertina del libro

Arriva in libreria il saggio di Lev Tolstoj, “Riflessioni di un vegetariano”, prefazione e cura di Davide Romano (Edizioni Ex Libris, pp. 57, euro 9,90).

“La riflessione sulle motivazioni etico-religiose e antropologiche di una scelta vegetariana è al centro di questo breve scritto del 1892, che fu a lungo noto con il titolo ‘Il primo gradino’, allusiva metafora dietro cui compare quell’ideale di ascetismo che Lev Tolstoj volle far proprio, a partire da un certo momento della sua vita – si legge nella prefazione del libro -. Il primo di un numero infinito di gradini di una colossale scalinata, la cui faticosa e travagliata ascesa costituisce l’unica via che conduce alla virtù”.

E ancora: “La straordinaria modernità del pensiero del grande filosofo russo si allaccia con forza alle più calde questioni che percorrono, a più di un secolo di distanza, la nostra società. L’attualità delle rivendicazioni del movimento animalista o il dilagante favore che incontra in questi nostri anni la scelta di un’alimentazione vegetariana rappresentano posizioni ideologiche estremamente affini alle istanze così appassionatamente caldeggiate dal vegliardo di Yasnaya Polyana, testimone lungimirante e intuitivo del suo secolo, un secolo di profondi rivolgimenti culturali, in cui il vecchio mondo dell’ancien régime, con tutti i suoi sentimenti e i suoi valori, tramontava, per lasciare spazio alla sensibilità nuova della società che nasceva”.

Lev Nikolàevi Tolstoj nacque nel 1828 a Yasnaya Polyana, nella tenuta di proprietà della nobile famiglia materna, nei pressi della città di Tula.

Per saperne di più: Un weekend a Yasnkaya Polyana

Dopo la perdita di entrambi i genitori, trascorse gli anni dell’adolescenza tra Mosca e Kazan, dove iniziò gli studi universitari. Nel 1851 ebbe inizio la sua avventura al fronte, nel Caucaso; sono questi gli anni in cui Tolstoj inizia a scrivere, e da lì a poco vedrà la luce il suo primo romanzo, “Infanzia”, pubblicato nel 1852, cui seguirà nel 1856 “I racconti di Sebastopoli”, ispirato proprio all’avventura nell’esercito. Intorno ai trent’anni, Tolstoj decise di far ritorno a Yasnaya Polyana, dove rimase per gran parte della sua vita. Nel 1862 sposò Sonja Andreevna Bers, e negli stessi anni pubblicò le opere che lo hanno reso immortale: “Guerra e pace” (1869) e Anna Karenina (1877). Tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, Tolstoj attraversò un periodo di profonda crisi spirituale, dalla quale uscì grazie alla religione. Da questo momento, tutta la sua produzione letteraria, narrativa e saggistica risentì di una rinnovata prospettiva filosofica ed etico-religiosa. L’opera completa di Tolstoj è raccolta in 90 volumi, non ancora integralmente tradotti in italiano.

+
Metti "Mi piace" su Facebook